Processo Perricone, iniziato l’esame della difesa dell’ex vicesindaco di Alcamo

Processo Perricone, iniziato l’esame della difesa dell’ex vicesindaco di Alcamo 

La galassia di società, secondo l’accusa amministrate occultamente dal politico alcamese, è stato il tema centrale affrontato dall’avvocato Giuseppe Benenati.

È ripreso qualche giorno fa mattina, a Trapani, il processo a carico dell’ex vicesindaco di Alcamo, Pasquale Perricone, e altri tre soggetti, Girolama Maria Lucia Perricone (detta Mary), Marianna Cottone ed Emanuele Asta, scaturito dall’inchiesta “Affari sporchi” del 2016. I reati contestati dalla Procura trapanese agli imputati sono: associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, truffa ai danni dello Stato e della UE, corruzione.

Dopo l’esame del sostituto procuratore, la dottoressa Rossana Penna, è toccato alla difesa porre le domande allo storico esponente del PSI alcamese. In particolare, la galassia di società, secondo l’accusa amministrate occultamente dal politico alcamese, è stato il tema centrale affrontato dall’avvocato Giuseppe Benenati. Prima dell’esame condotto dal suo difensore, costituito da una lunga lista di domande, Perricone ha detto di avere affidato ad un consulente la perizia di una ventina di trascrizioni delle intercettazioni predisposte dalla magistratura trapanese, il quale avrebbe riscontrato degli errori. Detta perizia verrà prodotta come memoria difensiva. Il pubblico ministero ha sollevato l’opposizione in merito, ma è stata respinta dal presidente del collegio dei giudici, il dottore Enzo Agate.

L’accusa di…