In 9 mila hanno visitato il Presepe Vivente di Custonaci

42

 Grande successo di pubblico per il 37esimo Presepe Vivente di Custonaci, il più antico della Sicilia. Sono stati circa 9 mila i visitatori che hanno ammirato la natività, inserita all’interno della Grotta Naturale Mangiapane, che fu rifugio per le generazioni di un nucleo familiare dal 1800 fino alla seconda guerra mondiale e per questo porta il loro nome.

In una delle grotte più belle di uno dei principali poli nazionali di estrazione di materiali lapidei di pregio, con 136 cave in attività da cui si estrae il celebre marmo denominato “Perlato di Sicilia”, i visitatori hanno potuto vivere un’esperienza unica, avvolti dalla storia, dalla cultura, dalla scienza, dagli usi, i costumi e dalle tradizioni del luogo.
Uno straordinario itinerario culturale, impreziosito dalla natura e dai paesaggi mozzafiato, che ha concesso agli spettatori di fare un passo indietro nel tempo, rivedendo all’opera antichi mestieri, respirando la magica atmosfera natalizia e degustando le primizie del territorio.
Soddisfatto il Presidente dell’Associazione Culturale Museo Vivente, Leonardo Pipitone:
“Abbiamo migliorato i numeri dello scorso anno, nonostante le condizioni climatiche non siano state clementi con l’inizio del 2019.
Nel solo giorno di Santo Stefano, 2200 persone hanno visitato il Presepe e a Natale, che statisticamente non è il giorno di massima affluenza, i visitatori sono stati più di 700. Ma la nota positiva è che più della metà erano stranieri. All’uscita del percorso – continua Pipitone – facciamo delle domande a campione e tutti hanno risposto positivamente, elogiando l’organizzazione oltre che la bellezza del Presepe e dei percorsi”

Leggi anche altri articoli di Trapani o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer