Impianto biometano ad Alcamo. M5S: “Perché parte iter senza piano rifiuti?”

13

 “Senza un piano dei rifiuti vigente, la conferenza dei servizi al dipartimento regionale per l’ambiente per l’autorizzazione di un impianto a biometano nel territorio di Alcamo è assolutamente anacronistica.

Il progetto per la realizzazione di tale impianto non è coerente con il principio di prossimità, è dannoso per la salute dei cittadini e dell’ambiente e pertanto non andrebbe in alcun modo autorizzato”. A dichiararlo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Giampiero Trizzino che, insieme alla collega di commissione Ambiente all’Ars Valentina Palmeri e al deputato nazionale M5S Antonio Lombardo, esprimono palese dissenso sull’iter regionale per la realizzazione di un impianto di biometano in territorio alcamese. “Nella fase in cui deve essere ancora approvato il piano regionale – spiega Trizzino – tutte le procedure relative a nuovi impianti, soprattutto se non in linea con i diagrammi di flusso dei rifiuti divisi per ambito provinciale, devono essere necessariamente posticipati ad una valutazione successiva. Questo, non solo è un ragionamento coerente con la programmazione, ma è anche quanto hanno affermato sia il consulente del Presidente della Regione, Prof. Angelini, che lo stesso Presidente, durante una seduta d’Aula sulla emergenza rifiuti, avvenuta pochi mesi fa. L’impianto per il quale si chiede la nuova autorizzazione, sfrutta una tecnologia non all’avanguardia che prevede produzione di biogas, di certo non in linea con le prescrizioni della nuovo Pacchetto UE sulla economia circolare. Sebbene il progetto, già bocciato, sia stato ripresentato in una versione ridimensionata, questo risulta estremamente sovradimensionato rispetto al fabbisogno provinciale”. Intanto ad inizio settimana prossima l’M5S Ars chiama a raccolta tutti i sindaci del Trapanese.

Leggi anche altri articoli di Alcamo o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer