Il Tar dichiara la retrocessione del Trapani in Serie C

Il Tar dichiara la retrocessione del Trapani in Serie C 

Ripartirà dalla Serie C il Trapani Calcio. Il Tar del Lazio, infatti, ha respinto il ricorso con il quale la società siciliana contestava tutti gli atti emanati dalla Figc con i quali è stata inflitta una penalizzazione per effetto del mancato pagamento degli stipendi di gennaio e febbraio entro il 16 marzo scorso, confermando quindi la retrocessione in Serie C.

Nella sentenza, i giudici amministrativi ricostruiscono in premessa la vicenda. Il Trapani Calcio, nel corso della scorsa Serie B era stato sanzionato con due punti di penalizzazione per il ritardato pagamento di una mensilità ad alcuni impiegati o collaboratori. Questa sanzione (la società chiuse con 44 punti, in luogo dei 46 precedenti, risultando terzultima nella classifica finale e quindi retrocessa) è stata impugnata davanti agli organi della giustizia sportiva, che hanno respinto il ricorso.

La retrocessione è stata successivamente impugnata davanti al Collegio di Garanzia dello Sport, con uguale esito e ricorso respinto. Di qui, l’impugnativa al Tar. Dopo aver ritenuto regolare la modalità e i tempi di deposito della sentenza del Collegio di Garanzia, ed entrando nel merito del ricorso, il Tar ha innanzitutto risposto alla tesi secondo la quale il Consiglio Federale e la Lega Nazionale avrebbero illegittimamente limitato il prossimo campionato di Serie B a sole venti squadre, in assenza di un’espressa delibera che li abilitasse a tale riduzione.

Il motivo è stato ritenuto “privo di pregio”,…